Giorno: 13 Maggio 2020

Dl Rilancio. Non escludere il settore dei serramenti dall’Ecobonus

Dl Rilancio. Non escludere il settore dei serramenti dall’Ecobonus

CNA News
CNA giudica molto positiva la volontà del Governo di elevare fino al 110% le detrazioni per i lavori di efficientamento energetico e per l’edilizia sostenibile, ma considererebbe inutile e dannosa l’esclusione dei singoli interventi dai benefici dell’ecobonus potenziato. La sostituzione dei serramenti ha rappresentato, fin dall’avvio delle detrazioni per la riqualificazione energetica degli edifici, la tipologia di intervento che ha coinvolto maggiormente le famiglie italiane per la semplicità e la praticabilità. I serramenti hanno contribuito negli anni in modo determinante al raggiungimento di importanti traguardi in termini di risparmio energetico degli edifici. Escludere i singoli interventi dal potenziamento dell’ecobonus penalizzerà le imprese del settore, già prostrate d
Insostenibili le linee guida per balneari e ristoratori. Ci appelliamo al buon senso del Governo

Insostenibili le linee guida per balneari e ristoratori. Ci appelliamo al buon senso del Governo

CNA News
Non ci sarà apertura per gli stabilimenti balneari e le attività di ristorazione e bar se il Governo adotterà i criteri individuati dall’Inail e dall’Istituto superiore di sanità per il contenimento del Covid-19. Si tratta di condizioni insostenibili e molto più restrittive rispetto a qualsiasi altro ambito della vita sociale che la CNA ha sottolineato nel corso dell’incontro tenuto ieri sera con i ministri della Salute Roberto Speranza, dello Sviluppo economico Stefano Patuanelli e del Lavoro Nunzia Catalfo. Le condizioni indicate nei due documenti rendono impossibile persino la copertura dei costi fissi. La distanza minima tra le file di ombrelloni di 5 metri e di 4,5 metri tra due della stessa fila è insostenibile. È necessario affidare ai gestori degli stabilimenti libertà opera
Sul credito, la parola ad artigiani, piccole imprese e professionisti

Sul credito, la parola ad artigiani, piccole imprese e professionisti

CNA News
Nella nostra prima indagine di aprile abbiamo dato la parola ad artigiani, piccoli imprenditori e professionisti per farci sapere cosa ne pensassero dell’efficacia delle misure del Governo per affrontare la Fase 1 dell’emergenza Coronavirus e per accelerare l’avvio della Fase 2. Oltre 14mila le risposte, un risultato straordinario, che ci ha permesso di portare le risposte e proposte raccolte ai diversi tavoli con le istituzioni. Siamo stati, grazie a questa grande partecipazione, davvero portavoce delle esigenze del mondo produttivo. Vogliamo farlo ancora. Per questo abbiamo avviato una nuova indagine sul credito rivolta a chi ha chiesto di accedere alla moratoria sui finanziamenti, di accenderne di nuovi o di rinegoziare linee in essere (misure contenute nei decreti “Cura Italia”